Attendere prego...
Genere II

La classe coinvolta terza B secondaria superiore, indirizzo Liceo delle scienze umane.

Come: il percorso didattico si è articolato nelle 4 fasi proposte dall'approccio filosofico PATHS - Per Parole.

Fase preparatoria: parola “genere”, documenti linguistici; lingua e genere. Lo schwa mantenere in piedi l’attenzione, tentativo di risolvere il problema della rappresentazione linguistica, filosofia del linguaggio (un’assenza linguistica determina un’assenza del pensiero nella realtà). [DURATA 1 ORA]

Fase esplorativa: natura/cultura; categorie: differenza, Costituzione, dicotomie, corpo, maschile/femminile, identità. Categorie oppositive filosofiche, tradizionalmente fondate su una visione sessista della realtà, con una relativa terminologia difficilmente modificabile e, che in un eventuale tentativo di riadattamento, genererebbe coppie paradossali come oggetto/soggetto e oggetto/soggetta.

Si è scelto di dare un taglio anche sociologico usando i termini sesso e genere per distinguere l’identità biologica dai ruoli di genere. Per i sociologi quest’ultimo è il concetto piu significativo perché è l’insieme delle aspettative e dei comportamenti socialmente appresi e associati a ciascun sesso. Maschi e femmine si nasce ma uomini e donne si diventa attraverso il processo di socializzazione che si prospetta diverso per i due sessi. Visto che il progetto è rivolto a student* del Liceo delle scienze umane, non si è trascurato lo sguardo antropologico.

Diritto formale e sostanziale e discriminazione positiva (Costituzione), eliminazione del gender gap e Agenda 2030.

L’identità di genere e identità sessuale, uno sguardo antropologico; l’identità maschile e femminile come prodotti della cultura.

Lavoro di cura e costruzione sociale caragiver-Genere, identità, ruolo.

Scarsa rappresentanza del genere femminile nelle lauree STEM: le motivazioni sono rintracciabili in una educazione che, per le bambine, non alimenta l’autostima, e per lo stereotipo femminile che ancora non è abituato a vedere le donne occupare posizioni lavorative in ambito scientifico.

Elaborazione di una mappa concettuale che raccoglie i diversi input provenienti dagli student* tramite la metodologia del brainstorming.

Selezione dei testi da utilizzare per il laboratorio: Art.3 e 37 della Costituzione. Agenda 2030. Platone, Il Simposio, il mito dell’androgeno. [DURATA 2 ORE]

Fase laboratoriale: i gruppi formati, dai docenti secondo il criterio di eterogeneità, hanno preso in esame i testi messi a disposizione, hanno esplorato più significati del termine e hanno discusso e rielaborato il significato della parola GENERE. Gli studenti hanno lavorato sia in classe durante le lezioni di filosofia e di scienze umane che a casa. [DURATA 5 ORE]

Fase valutativa: il primo gruppo ha analizzato il testo “Educare al genere. Il contributo della filosofia”, cercando di capire come la filosofia abbia contribuito alla costruzione del sistema di valori e significati su cui si fonda la subordinazione femminile. I componenti del gruppo hanno letto testi di Aristotele (il femminile come minorita), Hobbes (Il diritto della madre nello stato di natura.

Il secondo gruppo è partito dall’intervista alla sociolinguista Vera Gheno, che da anni si interroga sul linguaggio e sulle modalità di renderlo più inclusivo e combattere gli stereotipi di genere. Il terzo gruppo ha invece preso in esame un articolo di Giuseppe Antonelli, «Corriere della Sera», 23 maggio 2021, sull’uso dello schwa e sulle sue possibili ripercussioni del suo uso sulla lingua. Il terzo gruppo ha letto e ha preso in esame, gli articoli della Costituzione 3 e 37 e l’Agenda 2030, Gender gap nelle lauree STEM, articolo accademico di Sveva Avveduto (Presidente Associazione Donne e Scienza). Il quarto gruppo ha analizzato il testo di Platone tratto dal Simposio “il mito dell’ androgino” e ha analizzato il testo “Educare al genere. Il contributo della filosofia”, cercando di capire come la filosofia abbia contribuito alla costruzione del sistema di valori e significati su cui si fonda la subordinazione femminile.

I gruppi hanno presentato al resto della classe i propri elaborati, la restituzione e avvenuta in forme molto diverse, che hanno esplorato differenti canali e registri comunicativi, passando attraverso la stesura di testi scritti, anche in forma di poesia, prodotti multimediali, quali video e presentazioni digitali, manifesti, dibattiti con base musicale. [DURATA 2 ORE]

Quando: l’Unita di Apprendimento – in linea con quanto previsto dalle Indicazioni Nazionali (2010) riguardo gli obiettivi specifici di apprendimento – è stata inserita nella programmazione annuale 2022/23.

Dove: Istituto di Istruzione Superiore “Chini Michelangelo” di Lido di Camaiore. Le attivita sono state realizzate in presenza nel mese di gennaio/febbraio 2023.

Dove: Filosofia e scienze umane.


Scheda di progettazzione dell'Unità di Apprendimento Presentazione in formato PDF

Per inserire commenti devi autenticarti.
Nessun commento.
  • AGENDA 2030 - Obiettivo n°5 “Raggiungere l’uguaglianza di genere e l’autodeterminazione di tutte le donne e ragazze - Genere II  Scheda del materiale
  • Gender gap nelle lauree STEM: perché le donne non scelgono i percorsi scientifici? - Genere II  Scheda del materiale
  • La COSTITUZIONE ITALIANA Articoli 3 e 37 - Genere II  Scheda del materiale
Nessuna testimonianza.