Attendere prego...
Vai alle parole

Per Parole

Questo percorso parte dal linguaggio comune, dalla parola ordinaria. Da tempo la scuola registra infatti un aumento dell’impoverimento linguistico degli studenti dovuto a una complessità di fattori. Questa criticità implica, in alcuni casi, una difficoltà nel saper ragionare, nell’utilizzare una argomentazione e più in generale nel saper esercitare un pensiero critico autonomo. La proposta didattica che proponiamo non è una soluzione a questi problemi, ma è un’occasione per affrontarli, partendo da un insieme di idee da sperimentare e da condividere in classe. Dai significati di una parola e con il supporto di testi, si possono elaborare, discutere e  acquisire nuovi contenuti e accezioni, provando poi ad usarli in modo corretto e consapevole all’interno di una argomentazione. In questo percorso formativo, la filosofia può così aiutare a comprendere e affrontare razionalmente alcuni problemi della vita quotidiana.
 

Descrizione

Il percorso PATHS - Per Parole nasce dall’adozione di un approccio filosofico fondato sulla parola (filosofia per parole è il nome della prima sperimentazione che INDIRE ha concluso nel precedente anno scolastico 2018/2019) elaborato a partire dalla convinzione che riflettere sulle parole di un’area tematica, approfondire il legame con i concetti e con i riferimenti storico-teorici ad essi legati è forse uno dei modo per imparare a “fare filosofia”. La riflessione sul linguaggio e sul rapporto con il pensiero e il reale - tema per certi versi all'origine della filosofia stessa - contribuisce non solo ad approfondire gli aspetti teorici e conoscitivi della disciplina ma anche a capire e spiegare il mondo dell’esperienza per sapere come agire e comportarsi. La filosofia può rappresentare una cassetta degli attrezzi che aiuta a comprendere e affrontare razionalmente alcuni problemi che la vita ci sottopone quotidianamente.

La chiarificazione della mente attraverso l’attenzione al linguaggio, scrive infatti James Hilman (“Il potere”, 2003) è un metodo che risale a Confucio e a Socrate. Entrambi ritenevano che la risoluzione di ogni problema inizia con l’esame attento del nostro linguaggio. Freud ha ripreso questo approccio. È stato lui il primo a chiamare la sua psicoanalisi «cura con le parole». Le parole costituiscono lo strumento più immediato e diretto per accedere alla dimensione astratta della rappresentazione della realtà. Dobbiamo imparare a conoscerle e ad usarle in modo appropriato, perché le parole sono cariche di implicazioni.

A questo proposito, Tullio de Mauro, nel suo “Guida all’uso delle parole” (1980), sostiene che la grande maggioranza delle parole del vocabolario comune e di base, ha una pluralità di accezioni. Chi studia la lingua da un punto di vista statistico ha anzi potuto stabilire che quanto più una parola è usata tanto più numerosi sono i suoi significati.

(Leggi tutto)(Chiudi)
L’indicazione di occuparsi del linguaggio approfondendo il significato delle parole attraverso i testi di filosofia (e non solo) è presente già da lungo tempo nel contesto normativo italiano. Ne parlano le “Indicazioni nazionali per i licei” (2010) e prima ancora i “Programmi Brocca” (1992), che riconoscono al testo scritto un ruolo centrale nell’attività didattica, riprendendo una prassi di insegnamento consolidata in molte discipline e fondata sull’analisi dei significati delle parole. Si tratta prima di tutto di un’educazione linguistica, condivisa fin dai “Nuovi Programmi per la Media” del 1979, che, seppur in misura diversa, riguarda tutte le discipline e le attività, e, in particolare, tende a far acquisire all'alunno, come suo diritto fondamentale, l'uso del linguaggio in tutta la varietà delle sue funzioni e forme nonché lo sviluppo delle capacità critiche nei confronti della realtà (Art. 2). Di recente gli "Orientamenti" tornano a ribadire la centralità del testo come una importante strumento didattico anche per promuovere la "filosofia per tutti".

Molti sono stati i docenti che, fin dagli anni ’70, hanno sperimentato metodologie e strategie didattiche orientate a descrivere e problematizzare i contenuti delle discipline partendo proprio dall’analisi del linguaggio in ambito educativo. Anche la manualistica, soprattutto negli ultimi anni, accanto ad una suddivisione per autori o per periodi propone percorsi di filosofia per concetti, per problemi o per parole-chiave. 

Interventi più recenti, dal mondo della scuola e dal mondo accademico, hanno contribuito alla riflessione sulla parola e sulla sua importanza nel discorso significante: l’impoverimento linguistico si accompagna spesso negli studenti ad una difficoltà ad argomentare, a discutere una tesi, a pensare in modo critico e persino a compiere una scelta razionale. Il rischio, come molti docenti sottolineano, è di perdere il logos, cioè quella capacità di analizzare il mondo, di scomporlo e di ricombinarlo in modi che meglio soddisfano i nostri bisogni e desideri. Gli "Orientamenti" proprio per sostenere lo sviluppo di un pensiero critico, ribadiscono l’importanza di riflettere sulle potenzialità formative dello studio della filosofia nei diversi segmenti dell’istruzione (primaria, secondaria e post secondaria) come campo dell’istruzione degli adulti e nell’ottica di un apprendimento lungo tutto l’arco della vita.

Sulla base di queste considerazioni, il percorso PATHS - Per Parole propone la costruzione di unità di apprendimento per problematizzare, insieme agli studenti, la molteplicità di significati che ogni parola porta con sé e contribuire, allo stesso tempo, a sviluppare la capacità di argomentare e il pensiero critico, in primo luogo attraverso il confronto con gli autori, la lettura e l'analisi dei testi della tradizione filosofica.

Infine, in quanto allarga il campo di indagine della filosofia a concetti di materie del curricolo, questo percorso sulle parole contribuisce a favorire l'adozione della didattica integrata nell'istruzione liceale, a promuovere l'apprendimento della filosofia negli istituti tecnici e professionali, attraverso percorsi di interdisciplinarità e collaborazione tra le diverse discipline, a introdurre eventuali iniziali momenti di riflessione filosofica nella scuola secondaria di I grado.

Le fasi della proposta didattica

Nel rispetto della programmazione didattica annuale del docente, si tratta di guidare gli studenti nella riflessione sulle parole comuni, partendo da quelle più vicine a loro,  esplorando, discutendo e problematizzando i molteplici significati che tali esprimono. La filosofia, intesa come ricerca e indagine continue, rappresenta una opportunità per sostenere lo studente nella personale ricerca di senso e per orientarsi e vivere con consapevolezza nel mondo: l’analisi di parole e concetti consente inoltre di approfondire contenuti filosofici, sviuppare competenze linguistiche, filosofiche, trasversali e di potenziare il pensiero critico.

(Leggi tutto)(Chiudi)
La scelta di sperimentare questo approccio filosofico tiene conto di una serie di considerazioni presenti anche negli "Orientamenti", elencate di seguito:

a) la pratica di questo approccio favorisce in modo decisivo la costruzione di Unità di Apprendimento (UdA) la cui realizzazione non presuppone alcuna limitazione dettata dal tipo di percorso di istruzione secondaria frequentato dal gruppo classe. Le UdA di una disciplina sviluppano i significati di una parola, partendo dal linguaggio comune, per rafforzare le conoscenze e le competenze specifiche della materia e le competenze trasversali;

b) le UdA costruite mediante questo approccio si possono realizzare in percorsi di istruzione e formazione che, ad oggi, non prevedono l’insegnamento della filosofia in orario curricolare;

c) questo approccio filosofico agevola e favorisce la costruzione di percorsi didattici finalizzati al rafforzamento dell’interdisciplinarità e della collaborazione tra le diverse materie che compongono il curricolo ["Orientamenti", §4].

La proposta didattica sperimentata è articolata in 4 fasi:

a) Fase preparatoria: il docente con il supporto del gruppo di ricerca di INDIRE sceglie la parola e i materiali didattici (video, testi…) che ne descrivono alcuni significati, coerentemente con la programmazione didattica individuata;

b) Fase esplorativa: il docente sottopone la parola alla classe che ne individua i molteplici significati (attraverso la tecnica del brainstorming articolato);

c) Fase laboratoriale: il docente suddivide la classe in gruppi di lavoro ai quali somministra i materiali didattici (diversi per ogni gruppo) selezionati (in questa fase il docente tiene conto del risultato del brainstorming). Uno studente per ogni gruppo ha il compito di condividere ed argomentare con la classe la riflessione sulla parola effettuata dal gruppo di lavoro;

d) Fase valutativa: il docente riprende le riflessioni degli studenti e le inserisce all’interno della lezione. La parola infatti rappresenta anche una occasione per introdurre o completare un particolare argomento. Il docente procede alla valutazione degli studenti.

Questo approccio filosofico si rivolge agli insegnamenti di Area Comune e alle discipline di indirizzo, favorendo lo sviluppo della dimensione interdisciplinare e l’inquadramento dei saperi specialistici in una cornice unitaria e dotata di senso, così come stabilito dal Profilo Educativo, Culturale e Professionale dello Studente per lo studente in uscita dal II Ciclo.

In questo senso, la scelta delle parole su cui costruire i percorsi didattici deve tenere in considerazione:

  • Le peculiarità proprie dell’Istruzione liceale, nonché l’articolazione della stessa in diversi percorsi, così come stabilito dal regolamento pubblicato con il DPR n. 89 del 2010.
    Le peculiarità proprie dell’Istruzione tecnica e professionale, nonché la divisione prevista in Settori, Indirizzi e Articolazioni, così come stabilito dai Regolamenti - DPR n. 87 e n. 88 del 2010 e dalle successive Linee Guida.

Filosofia

Zombi

L’Unità di Apprendimento sulla parola "Zombi" è stata sperimentata in una IV del Liceo delle Scienze Umane, opzione economico-sociale, durante ...

11 4
Amore

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS ...

3 5
Macchina

L’Unità di Apprendimento sulla parola "Macchina" è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS - Per Parole, ...

3 4

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata per il percorso Paths - Per Parole. La ...

3 5
Cyber

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata progettata dal gruppo PATHS - Per Parole. La durata ...

6 3
Memoria

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS ...

10 8

Italiano

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata per il percorso Paths - Per Parole. La ...

3 5
Cyber

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata progettata dal gruppo PATHS - Per Parole. La durata ...

6 3
Memoria

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS ...

10 8

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS ...

7 6
Follia

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata per una classe quarta di un Istituto Tecnico. ...

3 3

Lingua inglese

Macchina

L’Unità di Apprendimento sulla parola "Macchina" è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS - Per Parole, ...

3 4
Memoria

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS ...

10 8

Storia

Zombi

L’Unità di Apprendimento sulla parola "Zombi" è stata sperimentata in una IV del Liceo delle Scienze Umane, opzione economico-sociale, durante ...

11 4
Amore

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS ...

3 5
Macchina

L’Unità di Apprendimento sulla parola "Macchina" è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS - Per Parole, ...

3 4
Follia

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata per una classe quarta di un Istituto Tecnico. ...

3 3

Biologia

Cyber

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata progettata dal gruppo PATHS - Per Parole. La durata ...

6 3

Psicologia

Zombi

L’Unità di Apprendimento sulla parola "Zombi" è stata sperimentata in una IV del Liceo delle Scienze Umane, opzione economico-sociale, durante ...

11 4

Sociologia

Zombi

L’Unità di Apprendimento sulla parola "Zombi" è stata sperimentata in una IV del Liceo delle Scienze Umane, opzione economico-sociale, durante ...

11 4

Storia dell'arte

Amore

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS ...

3 5

Musica

Amore

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS ...

3 5

Economia Aziendale

L’Unità di Apprendimento che è oggetto di questa scheda è stata realizzata nel contesto delle attività promosse dal progetto PATHS ...

7 6